Andare in passeggiata a cavallo

2021_passeggiata_zaniki

Tra le attività più diffuse in Equitazione spicca la passeggiata a cavallo: la più praticata e quella ritenuta erroneamente la più semplice. Niente di più sbagliato.

Un falso mito dice che chiunque possa montare a cavallo e, senza esperienza, fare una passeggiata, mentre a finire per terra ci va veramente un attimo.

Il cavallo è un animale estremamente fifone, in natura è una preda! Quando si spaventa cosa può succedere? Basta una busta di plastica, un rumore improvviso, un cane che abbaia, un furgone che passa. Il cavallo scarta, si sposta di scatto, si impenna e poi può capitare la sgroppata, immancabilmente presente!

Se non si ha un buon assetto, la conoscenza degli aiuti e un minimo di controllo, si rischia di cadere e a volte tale caduta non è solo rovinosa per il cavaliere, ma anche per il cavallo che in preda allo spavento, potrebbe farsi male, se non morire a causa di un incidente.

Purtroppo 10 lezioni in maneggio per poi andare in giro non sono sempre sufficienti.

La passeggiata è un’occasione di svago e di piacere, ma deve essere fatta in sicurezza e non è vero che non si è esente da rischi, in quanto da diversi studi recenti è emerso che la maggioranza degli incidenti, anche mortali, si verifica in passeggiata e che le vittime solitamente sono principianti e/o “cavalieri della domenica”.

Dunque siate sempre consapevoli dei rischi e ricordate che in passeggiata è opportuno che vadano cavalieri con una certa esperienza, con un buon assetto, una buona conoscenza degli aiuti e del cavallo che montano.

La passeggiata non è quindi un’attività da prendere con leggerezza, ma bensì con consapevolezza e come esercizio propedeutico per la tecnica laddove fatto con coscienza e su vari terreni, naturalmente con piacere per se stessi e per il cavallo.

Avatar

Valeria Karpova

Leave Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.