Origini

La razza Welsh è originaria del Galles (Gran Bretagna) e durante la storia è stata migliorata con Purosangue Inglesi, Hackney e Arabi.

Il libro genealogico di questa razza distingue 4 diverse sezioni in base alla loro altezza e conformazione fisica:

WELSH MOUNTAIN PONY

Altezza: fino a 122 cm
Mantello: tutti, eccetto pezzato
Caratteristiche fisiche: occhi grandi, vivaci e distanziati, testa piccola dal profilo arabo, orecchie appuntite e molto mobili. Il collo è lungo, soprattutto nei maschi, e incurvato, gli arti asciutti e forti.

Il Welsh Mountain viveva selvaggio sulle montagne del Galles e iniziò a essere allevato durante l’impero romano: il primo ad allevare questa razza fu infatti Cesare.

Corse invece pericolo d’estinzione sotto il regno di Enrico VIII, che decretò la soppressione di tutti i cavalli d’altezza inferiore a 152 cm per gli stalloni e 132 cm per la fattrici.

Passato questo periodo per fortuna ritornarono a diffondersi e a essere ricercati per aiutare pastori e agricoltori nel loro lavoro quotidiano.

Nel 1901 venne infine fondata la Welsh and Cob Society e nel 1902 venne pubblicato il primo volume del Libro genealogico nel quale vennero iscritti 9 stalloni e 273 fattrici.

WELSH PONY

Altezza: da 122 cm a 132 cm.

Il Welsh Pony ha una struttura intermedia tra il Welsh Mountain e il Cob.

Anche lui è usato principalmente come cavallo da sella per i cavalieri più giovani.

WELSH PONY COB

Altezza: fino a 137 cm.

Ha le stesse origini del Welsh Mountain Pony, anche se man mano ha avuto un maggior apporto di sangue Hackney, cosa che l’ha reso più robusto.

WELSH COB

Altezza: da 137 cm a 155 cm

Mantello: tutti i colori eccetto i pezzati piebald e skewbald.

E’, in misura più grande, molto simile al Welsh Pony Cob, probabilmente con apporti di sangue dell’Hackney, dell’Arabo e del Cavallo Spagnolo.

 

Il Welsh nella narrativa

cilla-pony-welsh

Nel 2014 Pauline Braddock ha scritto Cilla The adventures of a Welsh Mountain Pony (Ed. Paperback), che narra la storia di un Welsh: Cilla è il filo attorno a cui è tessuto questo romanzo.

E’ nata in cima alle montagne del Galles e ha vissuto gran parte della sua giovinezza in Inghilterra.

A 30 anni si è ritrovata nel Galles, a poche miglia da dove nacque.

La maggior parte della storia è vera: l’autrice la conobbe nell’ultimo anno della sua vita e ce ne racconta le avventure.

 

 

I Welsh a La Valle del Bò

Alla Valle del Bò vivono molti Welsh e molti pony la cui razza è stata incrociata con i Welsh: sono pony molto intelligenti e sono davvero belli con i loro occhioni e il profilo che ricorda gli arabi. Si prestano molto bene alle lezioni di pony games e in gara danno grandi prestazioni.

valle-del-bo-bingo
Bingo

Sonia è stata la prima pony ad arrivare da noi… e Bingo, suo figlio, è uno Shetland per Welsh pezzato sauro ed è il primo pony nato alla Valle del Bò!

I pony della Valle del Bò: StarLady
StarLady

Anche Windy, Pottok per Welsh con un incredibile occhio azzurro, è nata da noi.

Tra le eccellenze c’è StarLady: ha vinto per due anni di seguito i campionati individuali
italiani con Sole Gastini, ha partecipato due volte agli europei e nel 2015 ai mondiali. Sua sorella Ellis è uno Shetland per Welsh di quattro anni: affettuosa e vivace vedremo presto come si comporterà in campo.

Poi c’è Benny, ancora tutto da scoprire perché è arrivato da noi nel 2016, Katy che, arrivata dall’Inghilterra, è furba e  testona e Trilly, che ha occhioni da cerbiatto e ciglia lunghissime, Bianca, pony di proprietà, tutta pepe e dal galoppo velocissimo e Iris, con il suo bellissimo mantello appaloosa.

 

Scopri tutti i pony de La Valle del Bò!